La comunità Madonna della Pace festeggia il Compatrono di Molfetta

falò La tradizione vuole che il falò di San Corrado torni a brillare “nel blu dipinto di blu” con i  suoi ceppi di legna robusta, il 9 febbraio di ogni anno, nella nostra città, nelle nostre zone,  nelle nostre comunità parrocchiali. Rituale significativo antropologico che risveglia la  tradizione secolare e che poggia essenzialmente il suo significato profondo sulla  partecipazione alla Santa Messa e l’accostamento all’Eucaristia unita alla preghiera, per  onorare il Santo Patrono Corrado di Baviera, di cui se ne conosce la grandiosa fama eroica  di uomo nobile e ricco che decide di scegliere una vita povera, umile e semplice. Una figura grande che lascia riflettere con il suo esempio e stile di vita. In una società odierna in cui si va alla ricerca del meglio e spesso del superfluo, il Santo ci insegna l’esercizio della sobrietà da vivere nel quotidiano. Ed è questo che la nostra comunità “M.d.P” intende prefiggersi nel suo cammino.

Ballo in costume tradizionaleQuest’anno, a causa delle proibitive condizioni metereologiche, l’appuntamento è stato rimandato a giovedì 12 febbraio,  senza minimamente scalfire lo spirito e l’atmosfera di gioia e partecipazione. La serata è stata arricchita dalla suggestiva rappresentazione della “pizzica”, messa in scena dall’associazione Eirene, che ha trascinato i presenti in un vortice di allegria al ritmo frenetico della tipica musica salentina e lo stupore per i bellissimi costumi folcloristici impreziositi dai nastrini sgargianti e dagli allegri tamburelli.

Serata indimenticabile vissuta in allegra convivialità intorno al fuoco col ballo della tarantola, tra la degustazione di ceci e fave arrostite, insieme ad un buon bicchiere di vino.

Più del falò, questa rigida serata di febbraio, è stata scaldata dal tepore della gioia di stare insieme e dall’avvolgente spirito di fraternità. Ed è con questi sentimenti che desideriamo continuare a far ardere nei nostri cuori il fuoco dell’Amore di San Corrado, nell’amicizia, nella solidarietà fraterna, nell’amore sincero e, nel sopraggiungere della quaresima, l’auspicio di essere testimoni di pace e di speranza a tutti. Buon cammino.

 

Annalisa e Pasqua

Sorgente: Madonna della Pace Molfetta

You may also like...